Casa, Rosso e Fontana (FI): aumento estimi e Imu, dopo l’incremento dell’addizionale Irpef comunale di Lo Russo, altra stangata per i torinesi?

0

“Non è stata sufficiente la stangata dell’aumento dell’addizionale irpef comunale di Lo Russo per i torinesi? Ora ci vuole anche un aumento degli estimi catastali e dell’Imu?”. A domandarselo il deputato di Forza Italia Roberto Rosso, vicepresidente del Gruppo a Montecitorio e Responsabile nazionale per gli azzurri del Dipartimento Casa.

“Nel disegno di legge sulla rigenerazione urbana, approdato in commissione Ambiente al Senato, infatti è inserita l’ipotesi che i Comuni possano alzare l’Imu sulle unità immobiliari inutilizzate. Si tratta dell’ennesima disposizione punitiva per il mattone e per tutti quei cittadini risparmiatori che investono sulla casa. Il legislatore dispone come se non si conoscessero le difficoltà che si trovano oggi ad affittare un immobile… e come se un proprietario si divertisse a tenere fermo e improduttiva una casa. Si tratta dell’ennesima norma ideologica, inserita per fare cassa su chi paga per tutti. Peccato che il combinato disposto della riforma degli estimi e di questa nuova trovata dell’aumento dell’Imu puó tradursi in un cocktail micidiale, capace di abbattere quel poco di classe media che ancora resiste alla crisi sanitaria, finanziaria e a decenni di farneticanti leggi redistributive a senso unico. Parlando di Torino, il capoluogo piemontese è giá la città con il più alto valore dell’Imu e con rendite catastali sopra media per le nuove costruzioni. Lo Russo e il Pd vogliono continuare nello spolpamento dei torinesi o invece ci aiuteranno a stoppare l’ennesimo provvedimento-scippo nei confronti dei risparmiatori torinesi, piemontesi e italiani?” Concludono Rosso e Fontana.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: