NEWS CAMERA DEPUTATINews Piemonte

Sanità, Pella (FI): “Comuni pronti a collaborare per far crescere sensibilità su donazione organi”

I Comuni e l’Anci sono pronti ad assicurare la loro piena collaborazione per sensibilizzare i cittadini sull’importanza della donazione. Questo impegno va di pari passo con l’azione che stiamo sviluppando da anni sul terreno della salute nelle città e della qualità della vita dei cittadini”. Lo ha sottolineato Roberto Pella, vicepresidente vicario dell’Anci e delegato alla Salute oltre che deputato di Forza Italia, intervenendo insieme al ministro per la Salute Orazio Schillaci alla presentazione della 26esima giornata nazionale per la donazione e il trapianto di organi e tessuti che si terrà domenica 16 aprile.

Noi sindaci scegliamo di esserci, per il secondo anno consecutivo, in questa campagna di sensibilizzazione realizzata insieme al CNT e al Ministero della Salute, convinti – ha proseguito Pella – che la salute sia un bene comune da coltivare anche attraverso l’informazione e il rafforzamento della cultura del dono, specie nei più giovani che possono diventare il primo motore per migliorare ancora di più il dato sulle opposizioni. In una settimana quasi 200 sindaci hanno aderito, insieme alle loro comunità, all’invito di ANCI in vista della Giornata Nazionale del prossimo 16 aprile, organizzando anche numerosissime occasioni di incontro e formazione con il mondo dell’associazionismo e del volontariato, gli ordini professionali e le società scientifiche”. L’incontro è stato l’occasione per ribadire il forte impegno sui social in vista della giornata, grazie ad Ancie ai sindaci italiani, protagonisti insieme al CNT della campagna digitale #UnSìInComune. Con questa iniziativa i primi cittadini inviteranno a dare il consenso alla donazione al momento del rinnovo della carta d’identità, ricordando anche che è possibile dire di sì subito online con la Spid attraverso l’Aido, l’Associazione italiana donatori organi. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.sceglididonare.it. Sono stati illustrati anche i dati sulla donazione da cui emerge che è ancora Trento in cima alla classifica della generosità tra le 44 città italiane con più di 100mila abitanti.

L’indice del dono raggiunto dal capoluogo trentino è 69,76/100: nel 2022, su 11.678 cittadini che hanno rinnovato la CIE, il 65,6% ha scelto di esprimere la propria volontà sulla donazione (34,4% gli astenuti) e tra i dichiaranti il 78,6% ha detto sì. Un tasso di consenso elevato, oltre 10 punti sopra la media nazionale che si è attestata al 68,2%. Al secondo posto a pari merito Sassari e Livorno, entrambe con un indice del dono di 67,69/100: la città sarda, sesta nel 2021, ha raggiunto il 79,1% dei consensi con un’astensione al 41,1%; i livornesi che hanno detto sì sono stati invece il 77% ma con un’astensione più bassa (36,8%), il che spiega l’ex aequo. Ai piedi del podio c’è Verona, quinta Padova, sesta Cagliari, settima Ferrara, ottava Firenze, nona Pescara (la prima delle grandi città centro-meridionali) e decima Monza. Sale Milano (16ma, nel 2021 era 20ma), stabile Torino al 29mo posto, guadagna una posizione Roma (da 32ma a 31ma), Napoli 39ma (era 42ma).

Invece è Corato, città di quasi 50mila abitanti in provincia di Bari, il comune più generoso d’Italia tra quelli medio-grandi (da 30 a 100mila residenti). Il centro pugliese ha raggiunto un indice del dono di 77,65/100, oltre 10 punti in più dell’anno precedente, raggiungendo un tasso di consensi dell’81,5% con un’astensione molto bassa (19,1%). Complessivamente migliorano i dati di molti comuni meridionali, nonostante l’opposizione alla donazione al Sud resti tendenzialmente più alta che nel resto d’Italia. Al secondo posto c’è Nuoro, prima un anno fa, completa il podio la sassarese Alghero, seguono tra le prime dieci Como, Belluno, Camaiore (LU), Cerveteri (RM), Pomigliano d’Arco (NA), Sesto Fiorentino (FI) e Monreale (PA).

Tra i comuni medio-piccoli (5-30mila abitanti) a primeggiare quest’anno è Guardiagrele, quasi 8mila residenti in provincia di Chieti. La cittadina abruzzese, con un indice del dono di 88,76/100, ha registrato un tasso di consensi altissimo (98,6%) e un’astensione del 24,3%. Secondo posto per Primiero San Martino di Castrozza (TN), terza Leverano (LE), mentre al quarto posto c’è la palermitana Corleone dove nel 2022 nessun cittadino ha detto no alla donazione: 313 i sì raccolti su 313 dichiaranti, anche se il 42,9% ha preferito astenersi. A seguire in classifica tra le prime dieci Boscoreale (NA), Ponte nelle Alpi (BL), Oliena (NU), Arenzano (GE), Spello (PG) e Ribera (AG). Tra i centri con meno di 5mila abitanti, ancora una volta risulta primo Geraci Siculo, piccolo comune delle Madonie palermitane, con un indice del dono di 94,58/100, un tasso di consensi del 96,8% e un’astensione al 6,9%: in totale, su 102 CIE emesse, sono stati registrati 92 sì alla donazione, 3 no e 7 astenuti. Si tratta in assoluto del miglior risultato tra tutti i comuni italiani, frutto di una sensibilità scaturita da una vicenda avvenuta nel 2021, alla morte di una bambina geracese di 11 anni, Marta Minutella, i cui genitori avevano voluto simbolicamente firmare il consenso alla donazione degli organi anche se poi il prelievo non era stato possibile per ragioni cliniche. La commozione generata da questa tragedia ha radicato in paese una profonda cultura della donazione. Il podio dei piccoli comuni è completato da Cinte Tesino (TN) e da Cardedu (NU).

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aderisci a Forza Italia

Dona il 2×1000 a Forza Italia

Iscriviti gratis tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post

Archivio News