Fase 3, Ruffino (FI): emergenze scuola e sanità, serve scatto del Governo

0

“L’accordo raggiunto in Europa stanotte é un buon punto di partenza per programmare i prossimi mesi. L’Italia ha bisogno di riforme e interventi strutturali per la ripartenza e per dare ai propri cittadini certezze in merito alla quotidianità e al futuro.Le risorse che arriveranno dal 2021 con il Recovery Fund sono senza alcun dubbio importanti, ma non possiamo aspettare il nuovo anno per iniziare un vero e proprio percorso di svolta.Le principali emergenze per il nostro Paese sono due: la scuola e la sanità. Sulla scuola, in vista della riapertura di settembre, il ministro Azzolina e’ in grave ritardo. Mancano all’appello 80mila docenti, per infanzia e primarie ci saranno supplenti non laureati, i banchi multi-funzione non sono stati ancora acquistati, un genitore oggi non sa ancora a che ora entrerà il figlio a scuola, in che classe sarà, quanto durerà l’orario di didattica in presenza, quanto quella di didattica digitale.  Sulla sanità, invece, dopo i mesi caldi del Covid, occorre programmare l’ammodernamento dei nostri ospedali, investire sulla telemedicina, sui territori, assumere medici e infermieri. Se ci sarà, in autunno, una seconda ondata del virus, dobbiamo farci trovare pronti. In questo scenario appare indifferibile l’attivazione del Mes: l’Italia non puo’ rinunciare, nonostante le timidezze del governo Conte, a 37 miliardi.Queste le sfide impellenti per i prossimi mesi. L’esecutivo non puo’ piu’ tergiversare, adesso serve uno scatto”. Lo afferma in una nota Daniela Ruffino, deputata di Forza Italia.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: