NEWS CAMERA DEPUTATINEWS REGIONALINews Toscana

Trasporto pubblico, Mazzetti: “La Regione Toscana deve pretendere il piano sviluppo e investimenti all’azienda”

“Non è la privatizzazione in sé il problema, anzi, da liberale, condivido le aperture al mercato; il problema è che Autolinee Toscane ha dimostrato totale assenza di qualsiasi prospettiva e volontà di investimento e di sviluppo sul territorio toscano; non solo, come successo anche di recente a Prato. Autolinee si permette, quasi in scherno alla città, di disertare il Tavolo della Mobilità. Non si può venire nel nostro territorio, tagliare servizi, imporre rincari, come quello previsto dal 1° agosto, e portare gli utili in Francia. Proprio in un’ottica di mercato, affidarsi ad Autolinee è stato un pessimo affare”. Questo l’affondo di Erica Mazzetti, parlamentare di Forza Italia e componente VIII commissione lavori pubblici. “La responsabilità di tutto questo – prosegue Mazzetti – è chiara: Enrico Rossi, che ha voluto in tutti i modi affidare ai francesi, ed Eugenio Giani, che ha subito passivamente la scelta di Rossi senza colpo ferire e senza nemmeno provare a rimediare in qualche modo. Forza Italia disse fin dall’inizio che sarebbe stato un grave errore: così è stato”. “La Regione – incalza Mazzetti – deve, innanzitutto, fermare gli aumenti, che danneggiato pendolari e lavoratori, mettere l’azienda con le spalle al muro ed esigere un serio e a questo punto condiviso piano di sviluppo, con investimenti e programmazione, per il bene del territorio, a vantaggio dei cittadini e anche dei lavoratori dell’azienda che sono tutto fuorché soddisfatti”. “Altrimenti, è il momento di iniziare a vagliare delle alternative – sostiene -, anche rescindendo il contratto con un’azienda che ha dimostrato di guardare al territorio toscano solo come a una miniera da cui estrarre per poi portare via”. “Sono esistite per molti anni società di trasporto locale, presenti sul territorio, con cui si poteva interloquire e mediare. Di fronte al disastro Autolinee Toscane si deve vagliare anche questa ipotesi, per altro in uso in molte altre importanti realtà italiane. Tutti hanno il diritto di muoversi liberamente”, conclude Mazzetti.

Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aderisci a Forza Italia

Dona il 2×1000 a Forza Italia

Iscriviti gratis tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post

Archivio News