Forza Italia Piemonte: benvenuto Mauro Fava nella nostra famiglia

0

Quest’oggi è stato presentato l’ingresso nel Gruppo regionale di Forza Italia del consigliere Mauro Fava, fino ad oggi esponente della Lega a Palazzo Lascaris. Hanno presenziato alla conferenza stampa il coordinatore regionale degli Azzurri Paolo Zangrillo, il coordinatore provinciale di Torino Roberto Rosso, il capogruppo in Regione Piemonte Paolo Ruzzola oltre agli attuali consiglieri regionali e ai parlamentari piemontesi.

Il coordinatore Paolo Zangrillo ha affermato “Il Gruppo di Forza Italia si arricchisce non quantitativamente ma qualitativamente. Sono fiero del suo ingresso perché in ogni incontro che abbiamo fatto in queste settimane per decidere il suo ingresso si è sempre parlato di politica e di territorio e non di garanzie o posti. Forza Italia ha bisogno di persone vere per crescere e Fava risponde perfettamente a questa caratteristica. E quindi dico convintamente benvenuto Mauro e buon lavoro”.

Roberto Rosso ha spiegato “Continua la fuga in Forza Italia. E’ iniziata durante la campagna elettorale di Torino con la creazione della Casa dei moderati e prosegue oggi e continuerà nei prossimi mesi. Ne ero convinto perché il lavoro, la passione, la competenza sono sempre destinate a prevalere. Stiamo assistendo a sempre più amministratori che vorrebbero aderire al nostro partito: è il sintomo che stiamo creando una famiglia e che siamo in grado di allargare ed essere attrattivi”.

Paolo Ruzzola ha aggiunto “Mi lega a Mauro Fava una profonda amicizia che nasce dai banchi della Città Metropolitana dove per cinque anni abbiamo battagliato insieme nella lista civica di centrodestra. Ci unisce il legame al territorio, l’amore per la politica delle piccole cose e dei piccoli passi. Solo ripartendo dai territori si cresce: e il fatto che il gruppo sia attrattivo dimostra che insieme alla dirigenza regionale e locale del partito lo si sta percependo anche fuori”.

Mauro Fava, neo consigliere regionale di Forza Italia, commenta “L’accoglienza che anche oggi mi è stata dimostrata con la presenza di tanti parlamentari e del coordinatore locale della zona del Canavese mi convince di essere entrato in una famiglia. La mia è stata una scelta sofferta, perchè sono nato e cresciuto politicamente in Lega. Il divorzio avviene per alcuni contrasti personali legati però sempre alla protezione degli interessi dei cittadini del Canavese che non meritano tradimenti. Al centro della mia azione c’è sempre stato e ci sarà sempre il territorio e l’ascolto dei cittadini, per me la politica è messa a servizio. Domani posso anche non fare più il consigliere regionale ma non posso tradire la mia terra. Ho ritrovato tutte queste caratteristiche in Forza Italia e da ciò la mia adesione convinta al loro, ora nostro progetto”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: