FIRENZE: Vertenza Bekaert, on. Mugnai e Marchetti (FI) rilanciano alla Camera e in Regione: «Istituzioni accelerino, mettere in sicurezza i 224 lavoratori»

0

«Impossibile veder licenziare i lavoratori Bekaert senza provare ad accelerare con l’azione istituzionale: la multinazionale belga si dimostra ancora una volta spregiudicata, ma non possiamo accettare in silenzio questa nuova ferita inferta ai livelli occupazionali e produttivi del Valdarno. Per questo, mentre alla Camera abbiamo già in iter l’interrogazione per sollecitare il Governo, in Regione non attendiamo i tempi di risposta all’atto affine ma rilanciamo con una mozione da portare già nella prossima seduta consiliare»: ad imprimere nuovo slancio all’azione politica in tutela dei 224 lavoratori Bekaert per i quali l’azienda ha annunciato di voler avviare le procedure di licenziamento è Forza Italia, con l’onorevole Stefano Mugnai (Vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera e coordinatore regionale degli azzurri toscani) e con il Capogruppo regionale Maurizio Marchetti.

            «Con la nostra battaglia in difesa del tessuto occupazionale del Valdarno nell’ambito della vertenza Bekaert – richiamano i due vertici azzurri – avevamo ottenuto tempo. Tempo per ragionare con l’azienda, tempo per far operare l’advisor, tempo per salvare quel che si poteva. Il tutto dinanzi a una parte datoriale che ancora una volta procede per proprio conto, disattendendo anche gli impegni assunti rispetto agli incontri futuri. Manifestazioni di interesse erano emerse, secondo il verbale del tavolo al Ministero per lo sviluppo economico della scorsa estate: vanno esperite tutte le strade possibili per centrare il risultato di non mandare a casa ulteriori 224 lavoratori. Dietro questo numero ci sono le persone con le loro famiglie, nuclei che fanno parte di un tessuto sociale e di una comunità per la quale una simile mazzata sarebbe difficilmente sostenibile. Bisogna tentare il tutto per tutto».

            Avanti dunque. L’onorevole Mugnai a Montecitorio continua a tenere alta l’attenzione del Governo, mentre Marchetti dal canto suo in Regione stringe i tempi convertendo la sua azione istituzionale in una mozione da portare subito in aula alla prima seduta in calendario: «La situazione precipita – incalzano Mugnai e Marchetti – e vanno serrati i tempi visto che già martedì l’azienda annuncia di voler avviare le procedure di licenziamento collettivo. Da un colpo del genere il Valdarno rischia di non rialzarsi. Sono 224 lavoratori, ma dietro a questo numero ci sono le famiglie e dietro le famiglie l’intera comunità. Sono l’incarnazione del territorio, vanno tutelati subito e in ogni modo possibile tentando ogni strada fino all’ultimo minuto».

No comments