FIRENZE: Fase3, Marchetti (FI): «Siamo all’anno zero degli aiuti post covid. No a un provvedimento-pannicello tiepido su una crisi drammatica»

0

«Liquidità alle imprese e detassazione: questo serviva già mesi fa e come Forza Italia lo abbiamo sempre ripetuto, indicando la via per il sostegno ai toscani in emergenza covid. Se ci aveste ascoltato, ora non saremmo a questo anno zero con provvedimenti che sono pannicelli tiepidi su una crisi drammatica. Votiamo no a un atto che ci arriva stravolto da emendamenti giunti solo ieri, alla vigilia dell’ultima seduta di legislatura, e che tenta solo di lasciare il bilancio meno in disordine di come altrimenti non sarebbe»: questi alcuni dei passaggi chiave con cui il Capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Maurizio Marchetti è intervenuto in aula sull’assestamento di bilancio e gli strumenti per la ripartenza post covid.

«Manifesto imbarazzo – ha esordito Marchetti – dinanzi a un documento che appare una minestra riscaldata servita per la necessità di chiudere il mandato lasciando il bilancio meno in disordine e meno confuso rispetto a quanto di suo non sarebbe. La confusione scaturisce tra l’altro dalla storicità di una spesa indirizzata in modo discutibile. La Corte dei conti pochi giorni fa lo ha espresso con chiarezza attraverso una relazione impietosa, critica, puntuale e più dura del solito. Un saluto amaro alla fine mandato».

«Nel merito degli strumenti di ripartenza per la fase 3: è tardi. Interventi di questo tipo la Regione doveva attuarli prima. Noi l’abbiamo chiesto – ricorda Marchetti – li abbiamo sempre indicati tentando di collaborare. Ma non attraverso contributi a pioggia, bensì con iniezioni di liquidità mirati alle imprese e attraverso una incisiva azione di detassazione. Qui non vedo nulla di tutto ciò».

Su altri punti la contrarietà di Forza Italia è poi più che consolidata: «Sul reditto di cittadinanza la nostra contrarietà è ormai nota. Noi siamo per erogare risorse a chi produce lavoro e occupazione, non in questo modo. Invece in un quadro drammatico in cui aziende, professionisti e lavoratori in genere non riescono chi a pagare chi ad essere pagato, in un corcocircuito da collasso – sottolinea Marchetti – io vedo arrivare un ex ministro sul monopattino che definisce una giornata fantastica quella in cui è stato varato il bonus per questo che fatico persino a definire un mezzo di trasporto. Sono armi di distrazione di massa. E questo che oggi la giunta toscana ci presenza non è che un provvedimento tampone per non lasciare i conti al chi va là. Non lo condividiamo, votiamo contro».

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: