Aimi (FI): “Reddito di cittadinanza a brigatista, una assurdità che si poteva evitare”

0

Sulla vicenda della brigatista Saraceni, beneficiaria del reddito di cittadinanza, ci sono forze politiche, Lega compresa, che adesso piangono lacrime di coccodrillo. Vorremmo far notare che diverse erano state le proposte emendative di Forza Italia, di cui una a mia firma, per escludere i condannati in via definitiva, per reati particolarmente gravi, dal beneficio economico. La maggioranza di allora optò, in piena consapevolezza, per una formula più blanda, ponendo come limite il fatto che il reddito di cittadinanza lo si poteva percepire dopo 10 anni dalla condanna. Se all’epoca il mio emendamento fosse stato accolto, non ci troveremmo davanti a questa assurdità. Stessa cosa dicasi del Partito democratico che oggi urla allo scandalo quando la stessa Saraceni, come rileva la stampa, percepiva già il reddito di inclusione, misura bandiera del governo Renzi. Chi oggi suona la gran cassa dovrebbe avere la decenza di tacere.

Lo dichiara Enrico Aimi, senatore e capogruppo in Commissione Affari Esteri per Forza Italia

No comments